SALOTTO NAPOLETANO, dalla Villanella alla Canzone Napoletana

[vc_row no_margin=”true” padding_top=”0px” padding_bottom=”0px” border=”none”][vc_column width=”1/1″]

Il canto napoletano è uno dei luoghi dove più si sciolgono i confini tra popolare e colto: dalle antologie cinquecentesche di villanelle, genere che coinvolse spesso musicisti del nord Europa, alla cosiddetta Canzone Classica napoletana, passando per le Commedie pe’ Musseca, vero laboratorio del melodramma barocco, o per i versi di innumerevoli poeti di lingua madre e non; la continuità è la lingua, l’idioma sul quale persino Gabriele D’Annunzio volle accettare la sfida di misurarsi. Ma il filo rosso, riconoscibile senza sforzo, è la musica, la scienza dell’armonia che ha continuato per secoli ad offrire alla dottrina accademica materiali inesauribili, lineari e sapienti allo stesso tempo.

Programma della serata

Anonimo sec. XVI – Villanella ch’all’acqua vai
Giovanni da Nola (Nola 1488 – Napoli 1558) –  Faccia mia bella
Antonio Scandello (?) (Bergamo 1517 – Dresda 1580) –  Voria che tu cantas’ una canzona
Giovan Tomaso di Maio (Napoli 1500 – 1563) –  Ho vist’ una marotta
Ernesto De Curtis (Napoli 1875 – 1937) –  Tu ca nun chiagne (elab. per chitarra di A.Diaz)
Michelangelo Faggioli (Napoli 1666 – 1733) –  ‘Sto paglietta presuntuso
Lenardo Leo (S. Vito dei Normanni 1694 – Napoli 1744) –  Pare che baa cantanno (da Le fente zingare)
Giovanni B. Pergolesi (Jesi 1710 – Pozzuoli 1736)-   Venerabilis barba inculta cappuccinorum
Santiago de Murcia (Madrid 1673 – 1739) –  Tarantella
Leonardo Vinci (Strongoli 1690 – Napoli 1730) – So’ le ssorva e le nespol’amare (da Lo cecato fauzo)
Domenico Cimarosa (Aversa 1749 – Venezia 1801) –  Mio Signor
Raffaele Sacco (?) (Napoli 1787 – 1872) –  I’ te voglio bene assaje
Pietro Labriola (Napoli 1820 – 1900) –  Lo Tuocco
Vincenzo Valente (Corigliano Calabro 1855 – Napoli 1921) –  Tarantella (testo di Edoardo Nicoardi)
Guglielmo Cottrau (Parigi 1797 – 1847) –  Michelemmà (elab. per chitarra di A.Diaz)
Francesco Paolo Tosti (Ortona 1846 – Roma 1916) –  ‘A Vucchella (testo di Gabriele D’Annunzio)
Francesco Paolo Tosti (Ortona 1846 – Roma 1916) –  Marechiare (testo di Salvatore Di Giacomo)
Mario Pilati (Napoli 1903- 1938) –  Tammurriata

[/vc_column][/vc_row]