Pubblicati da Girolamo Macina

Animamea 2014

[vc_row no_margin=”true” padding_top=”0.5em” padding_bottom=”0px” border=”none”][vc_column width=”1/4″][/vc_column][vc_column width=”3/4″][vc_row_inner no_margin=”true” padding_top=”0″ padding_bottom=”0.4em” border=”none”][vc_column_inner width=”1/1″][/vc_column_inner][/vc_row_inner][vc_row_inner no_margin=”true” padding_top=”0px” padding_bottom=”1.3em” border=”none”][vc_column_inner width=”1/2″][/vc_column_inner][vc_column_inner width=”1/2″][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]

ALLE GUERRE D’AMORE

PRIMA NAZIONALE

Le affinità e le sintonie tra musiche diverse si giocano su molti piani, sia interni che esterni alle opere: lo stile, le circostanze o le modalità sociali dentro le quali si sono generate, il tipo di ascolto a cui sono abitualmente sottoposte o i mestieri che concorrono a realizzarle. Dall’estetica alla sociologia, dalla psicologia all’etnologia, molti discorsi provano a dirci qualcosa su apparentamenti ed estraneità musicali.

VIOLON ACROBATIQUE

PRIMA REGIONALE

Dedicato a Jean Marie Leclair (1697-1764), nel 350esimo della morte, questo programma comprende quattro composizioni, una per ciascuno dei suoi quattro Livres des Sonates à violon seul avec la Basse Continue, pubblicati nell’arco 20 anni (1723, 1728, 1734 e 1743).

DEBUSSY VERSO L’ISOLA DI GIAVA

Emanuele Arciuli propone uno sguardo su uno di questi incontri tra musiche e mondi, che nel 1889 accese l’interesse di Debussy in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi, dove il compositore francese ascoltò un Gamelan di Sundra, nell’Isola di Giava.

SACRE STRAVAGANZE

Dall’amore e la passione per la musica napoletana del ‘700 nasce il progetto Sacre Stravaganze, teso alla scoperta ed esecuzione di splendide composizioni sacre, inedite ed ingiustamente dimenticate, del barocco napoletano.

TERRA, ACQUA, ARIA, FUOCO

Les Eléments è composto da musicisti che hanno partecipato a festival e rassegne in varie nazioni e hanno registrato, anche da solisti, per K617, Naïve, Opus 111, Tactus, Bongiovanni. Fin dalla sua fondazione il gruppo ha la sua guida artistica nel flautista Piero Cartosio.

I FLAUTI MAGICI

Ensemble Estro Cromatico, il cui organico varia da tre a diciotto strumentisti, nasce nel 2000 a Milano dall’interesse dei suoi giovani musicisti verso la musica strumentale del Seicento e Settecento eseguita su strumenti storici.