[vc_row no_margin=”true” padding_top=”0px” padding_bottom=”0px” border=”none”][vc_column width=”1/1″]

ANIMA MEA

musiche, mondi, memorie
[/vc_column][/vc_row][vc_row no_margin=”true” padding_top=”0px” padding_bottom=”0px” border=”none”][vc_column width=”2/3″]

Anima Mea giunge alla sua ottava edizione.
Un anno critico, a causa delle incertezze e dei ritardi che gravano sulle Amministrazioni che ci sostengono. Grazie però alla generosità degli artisti, dei collaboratori e dei sostenitori, siamo riusciti a mantenere il nostro impegno di proporvi sempre e comunque musica di qualità e ensemble di prestigio; con molte novità.
Prima di tutto il sostegno di importanti istituzioni francesi grazie alle quali realizziamo la produzione di un CD, il cui programma ascolterete in prima assoluta: alcuni Salmi tratti dall’Estro Poetico Armonico di Benedetto Marcello, musica sorprendente per ricchezza di idee e modernità di spirito.
Poi per la prima volta ad Anima Mea uno spettacolo con danza, nato alcuni anni fa e riformulato molte volte dai suoi protagonisti, in funzione sia delle occasioni esecutive sia di fatti esterni alla musica, ma che per la loro urgenza hanno spinto gli stessi artisti a cercare echi espressivi nuovi ogni volta.
Proseguiamo con un ensemble che già avete conosciuto nelle scorse edizioni: le tre musiciste moscovite de La Villa Barocca, alle quali si aggiungono tre musicisti pugliesi che le accompagneranno, dopo il festival, in una tournée in Ungheria e Russia.
La serie autunnale si conclude con la Cappella Musicale Corradiana, ormai ospite fisso di Anima Mea; quest’anno propone un concerto che è quasi una lezione su quel complesso di temi musicali e teologici che animò il dibattito sull’arte all’epoca del Concilio di Trento.
Ma non finiamo qui, perché sfidando le difficoltà abbiamo deciso di proporvi altri nove appuntamenti a dicembre. Dunque, arrivederci a presto

Gioacchino De Padova


[/vc_column][vc_column width=”1/3″]Animamea 2015[/vc_column][/vc_row]